Ultime Notizie

Verso la canonizzazione

pubblicato 4 nov 2016, 22:24 da Pietro Rescigno   [ aggiornato in data 4 nov 2016, 22:32 ]

Nel 2011 Kevin Becker è caduto dal secondo piano di un’abitazione che condivideva con un paio di compagni di college, fratturandosi il cranio in cinque punti e danneggiando ogni lobo del suo cervello. Dopo un intervento d’emergenza è rimasto stabile ma senza reagire per nove giorni. I medici pensavano che non sarebbe sopravvissuto, e che se lo avesse fatto avrebbe riportato gravi deficit cognitivi.

Meno di tre settimane dopo l’incidente è stato accompagnato in sedia a rotelle alla porta dell’ospedale, si è alzato, si è messo la borsa sulla spalla e ha camminato fino alla macchina… lanciandosi una palla da football con il fratello.

Non è usuale.

Una settimana dopo il suo incidente, i medici parlavano di indurgli il coma come estremo tentativo. Qualche giorno dopo Kevin ha aperto gli occhi, e presto ha iniziato a parlare, a stare in piedi e a camminare normalmente.

Dopo aver lasciato l’ospedale, Kevin ha seguito una riabilitazione e ha scoperto di essere molto avanti rispetto agli altri pazienti, anche quelli in cura da sei mesi o un anno. L’11 ottobre ha eseguito una serie di test cognitivi e li ha completati in appena due ore anziché le sei abituali. Un mese dopo il medico gli ha chiesto come pensava di essere andato. Ha risposto, come dice che avrebbe fatto riguardo a qualsiasi test, “Penso che sia andato bene”. Il dottore gli ha detto che non era andato solo “bene” – era come se non avesse mai avuto alcun problema. Gli è stato permesso di tornare al college, dove si è laureato. Ora lavora concedendo prestiti a piccole imprese.

Ancora una volta, non è quello che accade di solito.

Ho avuto il piacere di sentir parlare Kevin Becker della sua esperienza il 29 ottobre in occasione di una celebrazione per gli 800 anni dell’Ordine Domenicano. Durante il suo coma, ricorda di essersi svegliato nella casa che condivideva con i suoi amici e di aver sentito qualcuno al piano di sopra. Era strano, visto che dice di essere sempre stato il primo ad alzarsi. È andato a vedere e nel soggiorno ha trovato un ragazzo che non conosceva.

“Chi sei?”

“Sono George, il tuo nuovo compagno di stanza”.

“Non può essere. Ne ho già due”.

“Non ci sono più”.

“Oh”.

Poi ha trascorso una lunga giornata con George. Kevin, grande appassionato di calcio e che odia stare in spazi chiusi, cercava di uscire di casa, ma George non glielo permetteva. Hanno discusso al riguardo, come se fossero fratelli, ma George è stato inflessibile, incoraggiandolo ad essere paziente. Kevin ricorda di aver trascorso il tempo studiando – il che, dice, avrebbe sorpreso chiunque lo conoscesse prima dell’incidente – e seduto sul divano con George a giocare a un videogioco di calcio chiamato “FIFA”.

E poi si è svegliato in ospedale.

In seguito, Kevin ha parlato del suo nuovo compagno di stanza a sua madre, definendolo un “buono spirito”. Dopo che glielo aveva descritto, la madre gli ha mostrato la fotografia di un ragazzo che Kevin ha subito riconosciuto come George. Era una foto del beato Pier Giorgio Frassati inviata alla madre da un cugino, che le aveva suggerito di pregare per la sua intercessione (Frassati, un laico domenicano, morì di poliomielite nel 1925 a 24 anni, dopo una vita caratterizzata dall’amore per la montagna, e i poveri di Torino lo conoscevano come carissimo amico e benefattore). La madre di Kevin lo ha fatto, mettendo la foto accanto al figlio, che si è svegliato il giorno dopo.

Si dice che un incontro con un santo può cambiare la vita, ed è quello che è successo a Kevin. Non solo è completamente guarito, ma dice di stare meglio di prima dell’incidente. A scuola era sempre stato quello che sedeva all’ultima fila e prestava poca attenzione ai compiti, ma da quando si è svegliato lo studio è diventato molto importante per lui, e i suoi voti sono notevolmente migliorati.

Il resoconto del caso di Kevin è stato inviato in Vaticano, e il suo recupero potrebbe essere il miracolo che porterà alla canonizzazione di Pier Giorgio Frassati. Kevin dice che non gli importa. Non sa perché Dio lo abbia guarito come ha fatto, ma è deciso a non sprecare quest’azione divina e continua a confidare nella presenza di George accanto a lui, sentendo a volte la sua voce sussurrargli all’orecchio.

a passi felpati

pubblicato 5 nov 2014, 09:10 da Pietro Rescigno   [ aggiornato in data 17 nov 2014, 08:54 ]

Ecco a voi i primi modelli da ammirare...
Si attende qualche altro giorno per raccoglierne altri annunciati...
Il voto non è ancora attivo ma a breve avrete le istruzioni per esprimerlo...

Voto non attivo

Risultati finali (fb+sito)

modello 4: 23 voti
modello 1: 8  voti
modello 3: 6  voti
modello 6: 1  voto
modello 2: 1  voto
modello 5: 1  voto

Votanti: 40. 

Vincitore ufficiale: modello 4! 

Winner Designer: TERESA PIEMONTE. CONGRATULATION!!! 
2nd PLACE: SARA BALDUSSI
3rd PLACE: MARCO TORTORA

Grazie a tutti i disegnatori, belle idee, da riconsiderare per altre realizzazioni

Ed ora vi invito a comunicare la vostra taglia per lunedì 24 alla Riunione/Brigantata!!!

VOTA LA FELPA





modello 1



modello 2



modello 3

modello 4

modello 5


modello 6

Festa di Pier Giorgio 2013

pubblicato 5 lug 2013, 06:46 da Pietro Rescigno   [ aggiornato in data 5 lug 2013, 06:55 ]

5 luglio 2013 - 
Caro Pier Giorgio, ieri la tua festa è stata magnifica! Mi è sembrato che quest'anno avessi una premura grande... dirci "Briganti! Embè! Che vi succede?! Siamo o non siamo in cordata!?"
E hai cominciato tu ad organizzare la festa: "Allora -hai detto- io mi occupo di trovare chi celebra la Messa e che il tempo sia bello... tu ti occupi dei santini e dello striscione...tu dei tavolini e dei festoni...tu dell'offertorio...tu delle preghiere...tu di invitare Tizio e Caio...tu dei canti...tu, invece, cerca di non cantare troppo... tu, tu...si si tu, fai un po' di foto... tu mi raccomando ai ministranti, tu fai la parete d'arrampicata alla santità coi miei pensieri, piuttosto che quella vera...tu occupati dei fiori e tu dell'altare... tu... e tu... e tu... e tu... e tu... tutti pregateci un po'su che non fa male,... e tu datti da fare ai fornelli...e fammi una bella torta, ma deve essere un prato fiorito... e che Gioia sia! e colpi di cannone...bum...bum...bum!"
Grazie Pier Giorgio, per averci invitati ancora tutti alla tua festa... si tutti, anche quelli che, pur non potendoci essere, sono stati in cordata con noi fedeli al patto giurato..."io vorrei che noi giurassimo un patto..." l'unione nella preghiera.

Vogliamo camminare con te, Pier Giorgio,
lungo sentieri di allegria e speranza,
sperimentare come te la beatitudine
che altro non è che la felicità
di conoscere, servire e amare Dio.


Passo dopo passo, sentiero dopo sentiero,
provare la fatica e il sudore della salita,
lo stupore della vetta, le risate dei compagni,
il sole che ci scalda, la città lontana,
e, intorno a noi, il silenzio e la meraviglia del creato.

Il cielo sopra di noi e dentro di noi,
il blu dell’orizzonte sereno, il vento leggero
che ci accarezza, la vertigine del sentiero

che ci guida sempre più su,
la lode a Dio e alla sua sapienza,

tutto questo vogliamo vivere con te, Pier Giorgio,
nell’allegria, nella condivisione,
nel sostegno e nell’aiuto reciproco
come fratelli e figli di Dio degni

e forti del suo amore.
Amen.

CHEF FEMMES

pubblicato 13 mar 2012, 04:11 da Pietro Rescigno   [ aggiornato in data 14 mar 2014, 13:19 ]

21 febbraio - Ma nooo!!tutte le brigantesse sono state braveee:))) che dire dei titoli molto "fantasiosi" proposti da 
Mariangela Tarantino e dalle lettere minuto per minuto....o dei biscotti di Chiara Benincasa (e mi riferisco a quelli di prova di lunedì sera)... o alla proposta di Simona Candila di fare un'insalatina fresca per contrastare la mole di colesterolo presente nel menu di ieri....ragion per cui Sara Di Lorenzo ha dovuto rinunciare all'insalata russa...o a Manuela Lombardo che ha sfidato le leggi della fisica per parcheggiare a San Domenico...e Simona Reggiani che dopo aver assaggiato gli esperimenti culinari della Benincasa ha pensato bene di fare due torte belle grandi per assicurarci almeno un dolce commestibile:))) e poi un applauso a Barbara che ha fatto una caprese eccezionale (mariano già mi sta mettendo in croce...) e a Daniela che con le sue chiacchiere ci ha proprio "fatto piacere":)))  senza dimenticare l'ottima lasagna di Eliana e il fantastico pane alle olive:)) e... ahimè.... ora che apprendo che Nevila Hitaj è tornata su fb... purtroppo devo citare anche lei...che ha tentato di far colpo su mariano con la scusa dell'agrodolce!!!

ADORAZIONE NOTTURNA

pubblicato 8 feb 2012, 07:55 da Pietro Rescigno   [ aggiornato in data 9 feb 2012, 00:29 ]

Nel 1921 Pier Giorgio si fa socio dei "Giovani Adoratori Notturni Universitari". Considerando ormai giunto il momento di seguire le orme di Pier Giorgio nella sua fonte di vita spirituale più rilevante, l'adorazione eucaristica, eccoci che con timore ed emozione, cominciamo l'esperienza dell'adorazione notturna. Ogni venerdì notte,da mezzanotte alle sei del mattino, ci alterneremo nella compagnia a Gesù Eucarestia con turni di un ora per coppia. Il timore è dovuto alla consapevolezza della nostra debolezza e quindi alla possibilità di non mantenere fede all'impegno, l'emozione è dovuta alla contemporanea gioia per la consapevolezza della preziosità di questi attimi di eterno nella compagnia al nostro Maestro.
Ci aiuti Pier Giorgio ad essere fedeli e a crescere nello spirito e nella donazione a Cristo ed ai fratelli! VERSO L'ALTO!

UN ANNO DI PASTORALE GIOVANILE

pubblicato 16 ott 2011, 12:40 da Pietro Rescigno   [ aggiornato in data 16 ott 2011, 12:51 ]

La diocesi di Salerno in questo anno pastorale ha scelto Pier Giorgio come testimone e modello per i giovani della diocesi. Un'occasione per impegnarci a far conoscere il nostro amico più profondamente e a farci promotori di iniziative che possano avvicinare a lui i giovani.
Sarà un caso che l'abbreviazione di Pastorale Giovanile sia PG? 

EVENTO: UN'AMICIZIA "VERSO L'ALTO". GIOVANNI PAOLO II E PIER GIORGIO FRASSATI

pubblicato 15 apr 2011, 01:07 da Pietro Rescigno   [ aggiornato in data 15 apr 2011, 01:32 ]

Il prossimo 30 aprile alle ore 16 nella chiesa di S. Anastasia, nei pressi del Circo Massimo a Roma, alla vigilia della beatificazione di Giovanni Paolo II, rifletteremo insieme sulla profonda amicizia che ha legato questo grande Pontefice al nostro amico Pier Giorgio, che da lui è stato proclamato beato il 20 maggio 1990.
Sarà un momento nel quale tutti gli amici di Pier Giorgio convenuti a Roma per la beatificazione del Papa potranno incontrarsi per un momento di condivisione e di conoscenza nello stile di Pier Giorgio: gioiosa amicizia nella Fede. A presto, allora...
Per avere notizie su come partecipare da Salerno, contattaci.

Compleanno Pier Giorgio 2011

pubblicato 9 mar 2011, 06:19 da Pietro Rescigno

6 marzo 2011 - Carissimi, anche quest'anno vogliamo festeggiare il compleanno di Pier Giorgio (110) come si deve.
Dieci anni fa, in occasione del suo 100simo compleanno, spegnemmo 100 candeline sul Forte La carnale,dopo aver pregato insieme nella chiesa di Santa Maria ad martyres, quest'anno cominciamo un piccolo impegno di preghiera che nelle quattro settimane che precedono la festa del nostro amico ci accompagneranno nella preparazione del suo compleanno.
Nella sezione risorse potrete, settimana dopo settimana, scaricare il file della preghiera per poter unirci spiritualmente in questo cammino.

PRESENTAZIONE "SENTIERI FRASSATI"

pubblicato 25 gen 2011, 08:43 da Pietro Rescigno   [ aggiornato in data 12 feb 2011, 06:40 ]

Giovedì, 17 febbraio alle ore 18 nel Salone degli Stemmi del Palazzo Arcivescovile di Salerno, sarà presentato il libro "In cammino sui Sentieri Frassati" libro curato dall'ideatore dell'iniziativa Sentieri Frassati, Antonello Sica.
Presenzierà alla presentazione l'Arcivescovo Metropolita di Salerno-Campagna-Acerno, Mons. Luigi Moretti e parteciperà l'autore del libro, Antonello Sica.
SIETE TUTTI INVITATI A PARTECIPARE!




ADORAZIONE EUCARISTICA

pubblicato 18 nov 2010, 13:57 da Pietro Rescigno

L’Eucarestia è l’invenzione dell’amore! E’ la vita e la forza delle anime, il rimedio a tutte le debolezze, il viatico per chi passa dal tempo all’eternità. I peccatori ritrovano in essa la vita dell’anima; le anime tiepide il vero calore; le fervorose, riposo e soddisfazione dei loro ardenti desideri; le perfette, ali per librarsi e tendere a sempre maggiore perfezione; le pure, il dolcissimo miele che è il loro più delicato nutrimento.
Queste parole accompagnano il nostro desiderio di crescere come comunità che nasce dall'Eucarestia, si nutre dell'Eucarestia e si ritrova attorno all'Eucarestia come il mendicante alla mensa dell'Onnipotente, il malato dal Medico celeste, l'assetato alla Fonte della vita.
Per questo sull'esempio di Pier Giorgio e nel desiderio di incontrarlo al nostro fianco inginocchiato davanti al Re cominciamo il nostro impegno di adorazione eucaristica ogni mercoledì dalle 20 alle 22 nella Cappella del Rosario in Largo san Tommaso d'Aquino a Salerno.
Ci guidano le parole di Benedetto XVI:

L'atto di adorazione al di fuori della santa Messa prolunga ed intensifica quanto s'è fatto nella Celebrazione liturgica stessa. Infatti, « soltanto nell'adorazione può maturare un'accoglienza profonda e vera. E proprio in questo atto personale di incontro col Signore matura poi anche la missione sociale che nell'Eucaristia è racchiusa e che vuole rompere le barriere non solo tra il Signore e noi, ma anche e soprattutto le barriere che ci separano gli uni dagli altri »

1-10 of 20